I diritti nell’era post Covid, il 3 dicembre la Giornata delle persone con disabilità

Il 3 dicembre ricorre la Giornata internazionale delle persone con disabilità,

che richiama l’attenzione sulla necessità di rafforzare i diritti nell’era post Covid

e di contrastare le discriminazioni e l’emarginazione,

anche alla luce delle conseguenze della pandemia

Lotta per i diritti nell’era post-COVID“: questo il tema della Giornata internazionale delle persone con disabilità (3 dicembre), una condizione che colpisce più di un miliardo di persone (circa il 15% della popolazione mondiale), di cui l’80% vive nei Paesi in via di sviluppo. Quest’anno la Giornata si inserisce all’interno di un contesto più ampio, segnato dall’impatto dell’emergenza sanitaria, che ha colpito in particolar modo le persone più fragili e vulnerabili.

“Invitiamo i funzionari nazionali e internazionali della sanità pubblica, i rappresentanti politici, tutti i cittadini a imparare dalle esperienze che le persone con disabilità vivono durante questa pandemia e a promuovere investimenti più significativi per l’eliminazione delle barriere affrontate dalle persone con disabilità”, questo l’appello, in una nota pubblicata sulla pagina dedicata alla giornata

“Laddove l’emarginazione, la discriminazione, la vulnerabilità e lo sfruttamento sono fattori quotidiani per molte persone – si legge nella nota – l’aumento del rischio è stato amplificato dal ridotto accesso ai servizi sanitari, dall’isolamento sociale, da inadeguati servizi per la salute mentale e una mancanza di preparazione alle emergenze per le persone con bisogni speciali”.

La Giornata richiama, dunque, l’attenzione sulla necessità di contrastare le discriminazioni di ogni genere e di incrementare le prospettive di crescita e di coesione sociale; così come stabilito anche dagli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e, in particolare, da quelli inerenti alla qualità dell’educazione, alla riduzione delle disuguaglianze e al rafforzamento del dialogo tra i popoli.

Disabilità, le iniziative del Ministero della Cultura

Anche quest’anno il Ministero della cultura aderisce alla Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità e ribadisce la volontà di rafforzare il diritto di tutti alla partecipazione culturalel’accesso ai luoghi della cultura; l’accesso ai contenuti del patrimonio culturale.

In particolare, la Direzione generale educazione, ricerca e istituti culturali e la Direzione generale Musei invitano gli Istituti del MiC a:

  • operare per il potenziamento dell’accessibilità ai siti e alle collezioni;
  • organizzare, nel mese di dicembre, attività in presenza e online intese a favorire una partecipazione quanto più ampia possibile al patrimonio culturale;
  • su impulso dei responsabili per l’accessibilità di musei, monumenti, aree e parchi archeologici e dei responsabili dei servizi educativi, adottare ogni accorgimento per dar luogo ad iniziative che siano accessibili anche tramite gli strumenti digitali, per le quali si rimanda anche alle Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici emanate da AGID.

La Sedia intelligente di Égalité

In occasione della giornata del 3 dicembre – Égalité https://www.egalite.org/giornata-internazionale-disabilita-incontro-a-genova/ – e Disability Pride Senegal organizzano un incontro a Genova – sabato 4.12.21, ore 16-18:30 – presso la Biblioteca universitaria.

Tra le attività di Égalité si ricorda il progetto della Sedia intelligente, premiata al Makers’ Faire 2020, ideata con l’obiettivo di agevolare la mobilità delle persone con disabilità. Un progetto concreto che aspira a trovare applicazione industriale con un approccio no profit, per offrire a prezzi vicini ai costi di produzione una sedia a rotelle ammortizzata, abbinata a una ruota anteriore di facile aggancio e sgancio nonché provvista di un motorino elettrico.

Oltre a segnalare e denunciare pratiche contrarie al benessere delle persone con disabilità, Égalité è anche impegnata in una costante attività di sensibilizzazione pubblica e politica, anche in sinergia con altre associazioni.

Fonte: Help Consumatori