Sanità

Kilocal e Visislim sanzionate per pubblicità ingannevole

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha comminato la settima multa alla nota azienda Kilocal per messaggi pubblicitari ingannevoli: negli spot, apparsi sul canale televisivo La7, e sul sito internet dell’azienda Poolpharma, viene presentato il prodotto come una soluzione al colesterolo alto.

Continua a leggere»

Etichetta pasta e riso: dal 17 febbraio più trasparenza per i consumatori

Con un pacco di pasta imbustato in Italia su tre che è fatto con grano straniero senza alcuna indicazione per i consumatori, arriva l’etichetta d’origine per fare finalmente chiarezza su quello che è il prodotto simbolo del Made in Italy. Secondo quanto previsto dal decreto, dal 17 febbraio prossimo le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicato in etichetta il nome del Paese nel quale il grano viene coltivato e quello di molitura.

Continua a leggere»

BIOTESTAMENTO: Garantire ai cittadini l’accesso agli strumenti previsti e vigilare sulla piena e corretta applicazione della legge

Il 31 gennaio 2018, è entrata in vigore una legge che ha segnato il raggiungimento di una delle maggiori conquiste di civiltà nel nostro Paese da molti anni a questa parte. Si tratta del provvedimento sul testamento biologico, che riconosce la possibilità di scegliere in anticipo quali trattamenti medici ricevere nel caso di gravi malattie e la libertà del paziente di rinunciare ad alcune terapie, in particolare alla nutrizione e all’idratazione artificiale. Si pone ora il problema di garantire l’effettiva applicazione della norma: su un tema tanto delicato e complesso è più che mai fondamentale assicurare ai cittadini il completo accesso a tutti gli strumenti previsti dalla legge, in primis in merito alle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat). La legge prevede l’esistenza di una apposita Banca dati delle Dat a livello nazionale o comunale, tuttavia perché il sistema sia pienamente operativo c’è ancora molto da fare: la Banca dati nazionale non è ancora attiva – e non lo sarà finché il Ministero della Salute non emetterà un decreto ad hoc – e, stando agli ultimi dati disponibili, i Comuni che ad oggi hanno istituito un registro relativo al testamento biologico sono solo 187 in tutta Italia.

Continua a leggere»

Giornata Nazionale contro lo spreco alimentare – Si può fare di più

Oggi si celebra la Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare. Si tratta di un evento di grande valore simbolico, poiché nel nostro Paese il problema dello spreco di cibo ha dimensioni imponenti, sia in termini di quantità che in termini economici. Ogni famiglia getta circa 145 chilogrammi all’anno di cibo: un volume che rappresenta il 54% degli sprechi totali e a cui si aggiungono gli sprechi nella ristorazione (21%), nella distribuzione commerciale (15%), nell’agricoltura (8%) e nella trasformazione (2%).

Continua a leggere»

Allerta: il Ministero della Salute comunica il richiamo di un lotto di filetti di acciughe per eccesso di istamina

Il Ministero della Salute ha comunicato che, a causa della presenza di istamina oltre i limiti consentiti, il lotto SK343A di filetti di acciughe in olio di oliva in vasetti da 80gr a marchio Athena commercializzati da Eurospin Italia s.p.a.

Le confezioni interessate, con scadenza 8 giugno 2018, vengono prodotte in uno stabilimento ad Agadir, in Marocco, e vengono importate dalla Sea Fish s.p.a. di Ospiate di Bollate (Milano).

I consumatori che abbiano acquistato una o più confezioni coinvolte non devono consumare il prodotto e a restituirlo presso il punto vendita di riferimento.

L’eccesso di istamina, sostanza che si forma naturalmente in seguito alla degradazione di un aminoacido presente in grandi quantità in alcune specie ittiche, può causare numerosi fastidi e malesseri, tra cui mal di testa, arrossamenti, prurito, nausea e vomito.

 

Salute: abolite alcune sostanze nocive nella produzione di cosmetici.

Sono entrati in vigore i nuovi provvedimenti europei che eliminano o riducono notevolmente i quantitativi ammessi di alcune sostanze utilizzate nella produzione di cosmetici, ritenute nocive per la salute.

Le quantità legali di Mit (Methylisothiazolinone), ritenuto un conservante fortemente allergenico, sono state fortemente ridimensionate: le nuove normative prevedono che non si potrà superare la soglia dello 0,0015% nella composizione dei prodotti.

Dopo accurati esami, anche l’ossido di zinco è risultato nocivo se inalato, di conseguenza è stato definitivamente vietato nei cosmetici con spray. I prodotti già in commercio che contengono l’ossido di zinco potranno essere utilizzati fino a maggio 2018.

Altra sostanza messa al bando, utilizzata soprattutto nei cosmetici per le unghie, è la formaldeide, risultata anch’essa nociva e cancerogena per l’uomo. Pertanto, i commercianti che hanno in vendita o utilizzano, prodotti che contengono tale sostanza, dovranno ritirali dal mercato e smettere immediatamente di utilizzarli.

Alimentazione: bene l’obbligo di indicazione di origine per i derivati del pomodoro ma serve omogeneizzazione sul piano europeo. L’UE renda finalmente operativo il regolamento sull’etichettatura.

Il decreto interministeriale per introdurre l’obbligo di indicazione dell’origine dei derivati del pomodoro firmato dal Ministro Calenda e dal Ministro Martina rappresenta un passo avanti per la tutela del consumatore. Il provvedimento stabilisce che, analogamente a quanto previsto per prodotti lattiero caseari, pasta e riso, anche per conserve, concentrato di pomodoro, sughi e salse composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro prodotti in Italia, sia obbligatorio indicare il Paese di coltivazione e di trasformazione della materia prima. L’applicazione è prevista per una fase transitoria di due anni.

Continua a leggere»

“Costi ed Efficacia del Servizio Sanitario Nazionale” 30 ottobre Convegno Federconsumatori a Roma

Il 30 ottobre convegno sul tema:

Costi ed Efficacia del Servizio Sanitario Nazionale”, si terrà a Roma presso il Centro Congressi Frentani (Sala Taurini – via dei Frentani 4) e saranno presentati i dati raccolti in relazione all’indagine sul grado di soddisfazione e di fiducia dei cittadini nei confronti del Servizio Sanitario Nazionale.

Interverranno:

Andrea Pusceddu Vice Presidente Federconsumatori

Dott. Clemente Tartaglione che presenterà i risultati della ricerca;

Prof. Silvio Garattini Direttore Istituto ricerche “Mario Negri”;

Prof. Lucio Mango Direttore UOC Medicina Nucleare San Camillo Roma

Giacomo Carbonari ANIA-Consumatori

Il convegno sarà concluso da Emilio Viafora Presidente nazionale Federconsumatori

Il programma completo dell’evento è disponibile sul sito www.federconsumatori.it.

Per la partecipazione non è necessaria alcuna registrazione: è sufficiente presentarsi al convegno ed effettuare l’accredito al desk.

 

Allerta prodotti: Auchan richiama il salame felino Igp “La Felinese” per contaminazione da salmonella.

La nota catena di supermercati Auchan ha predisposto il ritiro dal mercato su tutto il territorio nazionale del salame felino Igp prodotto dal Salumificio La Felinese Salumi spa di Parma a causa di contaminazione da Salmonella spp. Il provvedimento riguarda i salami da 500 grammi appartenenti al lotto SF29E248 con scadenza 28 e 29 novembre 2017.

Chiunque abbia acquistato una o più confezioni coinvolte è invitato a non consumare il prodotto e riportarlo al punto vendita per ottenere la sostituzione. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’ufficio qualità della ditta produttrice al numero 0521/837711.

Bonduelle richiama lotto di “Spinaci millefoglie surgelati”

Bonduelle ha richiamato dal mercato un lotto di “Spinaci millefoglie surgelati” per la possibile presenza di mandragora, un’erba infestante velenosa. Il lotto di produzione del prodotto è 15986504-7222 45M63. Sono surgelati prodotti per Bonduelle da Gelagri Iberica con sede a Navarra, in Spagna. Si tratta di buste di spinaci surgelati da 750 grammi, con data di scadenza 08/2019. Il prodotto è stato richiamato, si legge sull’allerta del Ministero della Salute, per “sospetta presenza di foglie di mandragora” e non devono essere consumati.

La mandragora è una pianta che contiene alcaloidi con azione anticolinergica, che causano agitazione, allucinazioni e, nei casi più gravi, convulsioni e coma.

Il richiamo di prodotti è frequente e il Ministero della salute informa in modo puntuale di tali azioni attraverso il sito ufficiale:

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_3_5.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=avvisi&tipo=richiami&dataa=2017/12/31&datada=2016/01/01

sulla stessa pagina possono essere assunte altre informazioni riguardanti la sicurezza alimentare.