Organi dirigenti

Direzione regionale eletta nel Congresso tenuto a Chieti il 13 novembre 2018

Canale Franca

Catini Saturnino

Del Giudice Gigliola

Delle Monache Antonio (Presidente provinciale Pescara)

Di Carlo Dante (Presidente provinciale Teramo)

Di Cicco Tino

Di Martino Nadia

Giannantonio Nicola

Legnini Nicola

Oleandro Geppino

Pezzuto Egidio

Piccirelli Rocco (Presidente provinciale Chieti)

Salviani Sabatino

Sarra Donatella (Presidente provinciale L’Aquila)

Terenzi Antonio (Presidente Regionale)

Tieri Maria

Turismo 1

Turismo: attenzione all’applicazione di sovrapprezzi e costi nascosti sui portali di vendita online di biglietti aerei

L’Antitrust ha comminato una sanzione di 150mila euro al portale di vendita di voli Lol.Travel per violazione del Codice del Consumo. L’Authority ha appurato che i prezzi dei biglietti proposti dal sito subivano improvvisi aumenti al momento del pagamento con carta di credito a causa di “costi di gestione” non specificati nelle precedenti fasi della prenotazione. E’ stata inoltre considerata illegittima la sola presenza sul portale di un numero telefonico di assistenza a tariffazione maggiorata.

Continua a leggere»
car(3)

Truffe online per RC Auto in aumento: come difendersi ?

In questi giorni l’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni ha pubblicato i dati sulle truffe online nel settore delle assicurazioni. L’IVASS – che solo nel 2018 ha scoperto ben 103 siti fake – collabora con Guardia di Finanza, istituti bancari, Registro domini, Poste Italiane e motori di ricerca al fine di contrastare efficacemente il fenomeno, oscurando nel più breve tempo possibile i siti in questione e bloccando le carte di credito utilizzate dai truffatori. Si tratta di una pratica dilagante, soprattutto per l’RC Auto, che coinvolge ogni anno migliaia di veicoli (per un giro d’affari di almeno 3 milioni di euro) e che provoca agli automobilisti non solo la perdita dei soldi versati per la falsa assicurazione ma anche il danno derivante dalla multa, dal sequestro del veicolo e dal ritiro della patente in caso di eventuale controllo delle forze dell’ordine che rilevi appunto l’assenza di copertura assicurativa.

Per ridurre al minimo il rischio di incorrere in una truffa, l’IVASS consiglia prima di tutto di verificare che il sito web riporti l’indirizzo della sede, i dati dell’intermediario, un recapito telefonico, un indirizzo pec e gli estremi (numero e data) dell’iscrizione al RUI, il Registro unico degli intermediari assicurativi. Inoltre è importante verificare l’iscrizione dell’intermediario nell’elenco delle imprese autorizzate e controllare l’elenco dei siti irregolari pubblicato dall’Istituto stesso. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi al contact center IVASS al numero verde 800.486661.

 

pane

Etichettatura del pane: entrato in vigore il decreto

Alimentazione: positivo il decreto sull’etichettatura del pane fresco ma se non ci sono sanzioni non si crea un reale deterrente. Implementare il testo prevedendo pene severe per i trasgressori.

Entrato in vigore il decreto che aggiorna la disciplina in materia di commercializzazione ed etichettatura del pane fresco. In base alla nuova legge il pane che abbia subìto un processo di congelamento e/o che contenga additivi conservanti non potrà più essere etichettato come “pane fresco” bensì dovrà essere venduto come prodotto “conservato” o “a durabilità prolungata” ed esposto in scomparti riservati.

Considerando che, soprattutto nella Grande Distribuzione, la commercializzazione del pane parzialmente cotto, congelato e poi infornato nel punto vendita per terminare la cottura è molto diffusa, riteniamo positiva la modifica della normativa, soprattutto al fine di una maggiore trasparenza delle informazioni da fornire ai potenziali acquirenti. La tematica è poi particolarmente rilevante nell’ambito della sicurezza alimentare poiché, com’è noto, il ricongelamento di prodotti già precedentemente surgelati può rivelarsi pericoloso per la salute: è quindi fondamentale dare modo ai consumatori di distinguere con la massima chiarezza gli alimenti che abbiano già subìto questo processo di congelazione.

 A questo punto però si pone il problema delle sanzioni per i trasgressori: il testo non prevede pene né ammende per i trasgressori ma in assenza di tali disposizioni è pressoché impossibile creare un reale ed efficace deterrente. E’ pertanto necessario implementare il decreto in questo senso e comunque vigilare con il massimo rigore sul rispetto della nuova normativa: sulla salute dei consumatori e sulla sicurezza dei prodotti, in particolare quelli alimentari, non è ammesso alcun margine di tolleranza.

 

polli

Additivo per mangimi OGM ritirato dall’UE ancora in commercio in molti Paesi membri: scatta il sistema di allerta comunitario per gli alimenti

Il quotidiano francese Le Monde ha reso noti i contenuti di un documento di sintesi stilato dall’Autorità alimentare olandese da cui è emerso che circa otto tonnellate della vitamina B riboflavina per mangimi animali ritirata su disposizione dell’Unione europea sono state distribuite e sono ancora in circolazione in molti Paesi membri, Italia compresa. La vitamina oggetto del provvedimento è stata prodotta in Cina dalla società Shandong ed è stata poi distribuita in Europa dalla Trouw Nutrition.

Nei mesi scorsi le Autorità comunitarie hanno disposto il ritiro dell’additivo per mangimi dopo aver riscontrato la presenza di geni di resistenza antimicrobica introdotti da modificazioni genetiche, dettaglio che rende il prodotto potenzialmente dannoso per la salute animale e umana nonché per l’ambiente.

In seguito alla diffusione della notizia è stato attivato il Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff).

 

untitled

Antitrust agli esercenti: l’applicazione di costi extra per i pagamenti elettronici è illegittima.

L’Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) si è pronunciata in numerose occasioni sulla illegittimità dell’applicazione di supplementi per l’utilizzo di un determinato strumento di pagamento, ad esempio carte di credito o bancomat, che costituisce una violazione dell’articolo 62 del Codice del Consumo. In seguito ad alcune segnalazioni, l’Authority ha ritenuto necessario ribadire il divieto di ricorrere a questa prassi in una recente comunicazione alle imprese, specificando che la proibizione riguarda qualsiasi tipo di esercizio commerciale, inclusi i negozi specializzati anche di piccole dimensioni (come tabaccai, ferramenta, lavanderie, macellerie, frutterie ecc.).

L’AGCM invita quindi gli esercenti ad adeguarsi alla normativa vigente.

Per consultare il testo aggiornato del “Codice del consumo” Click qui

soldi

Banche: I libretti al portatore devono essere chiusi entro il 31 dicembre 2018

La nuova normativa antiriciclaggio

prevede che vengano estinti i libretti al portatore ancora attivi.

Il termine ultimo stabilito per effettuare l’operazione è fissato al 31 dicembre 2018, quindi entro la fine dell’anno i

correntisti dovranno recarsi in banca per eseguire la chiusura.

L’Abi, l’Associazione Bancaria Italiana, ricorda che nel caso il cui l’utente non rispetti la scadenza fissata

dalla legge, l’istituto di credito dovrà segnalarlo al Ministero dell’Economia

e delle Finanze, che a sua volta potrà comminare una sanzione pecuniaria da 250

a 500 euro.

imagesG2N2ITYF

10 dicembre 1948 approvazione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

Oggi 10 Dicembre 2018 è il 70esimo anniversario della dichiarazione.

Sono principi di base che dovrebbero stare nella coscienza di ogni uomo, non solo dei padri che venivano fuori dall’ecatombe della guerra mondiale, ma anche dei figli che oggi hanno a che fare con i problemi dell’emigrazione, delle diversità, delle identità nazionali.

 Da rileggere,  segnando bene gli articoli più difficili da riconoscere oggi.

 Qui testo della Dichiarazione

images

Università: tasse in leggera diminuzione ma comunque onerose. Ancora inesistente il contrasto all’evasione che eviti la fruizione delle agevolazioni da parte di chi non ne ha bisogno.

Sono passate poche settimane dall’inizio dell’anno accademico 2018/2019 e l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha realizzato l’indagine annuale sui costi delle università italiane. Gli importi delle tasse si calcolano in base al reddito ISEE dello studente, quindi nella ricerca sono state prese come riferimento cinque fasce di reddito. Nel caso in cui, ad esempio, il reddito familiare dello studente rientri nella I fascia (ISEE 6.000 euro), il costo medio annuo registrato è di 302,48 euro. Per quanto riguarda invece gli importi massimi, si arriva ad una media di 2523,45 euro all’anno. Si tratta di cifre importanti, che risultano in leggera diminuzione rispetto al 2017 se si considerano gli importi minimi e che invece sono in crescita per quanto riguarda la tassazione per la fascia più alta. Ai fini di una corretta lettura dei dati, è comunque necessario precisare che alcuni costi risultano inferiori rispetto a quelli rilevati lo scorso anno non tanto in ragione di una effettiva riduzione delle tasse imposte dalle singole Università ma a causa di una rimodulazione della tassa regionale per il diritto allo studio: in Campania, ad esempio, fino allo scorso anno l’imposta era uguale per tutti e ammontava a 140 euro, mentre ora l’importo si determina in base alla condizione economica (120 euro per un reddito ISEE fino a 20.220,00 euro, 140 euro per un reddito compreso tra 20.220,01 e 40.440,00 e 160 euro per tutti gli altri). Il dettaglio incide sulla media finale, che risulta appunto inferiore rispetto al 2017. Il decremento più consistente si rileva nella III fascia (ISEE 20.000 euro), in cui gli importi diminuiscono del -6,88%. Nella I, II e IV fascia i costi scendono rispettivamente del -4,53%, del -3,96% e del -3,74%. Gli importi massimi invece mostrano la tendenza opposta, con un aumento del +3,15%.

Continua a leggere»
Difendiamo valori

Nuovi orari di apertura degli sportelli di Federconsumatori a Pescara e provincia

La Federconsumatori, Associazione  che si occupa di assistere gli Utenti per:

  • i disservizi conseguenti alla gestione delle utenze energetiche (Gas, Energia elettrica), acqua, telefonia: distacchi, mancata erogazione del servizio, conguagli;
  • problematiche relative all’accesso ai servizi sanitari, dalle prestazioni ordinarie (visite ed accertamenti diagnostici), liste di attesa, casi di danni sanitari conseguenti a situazioni di mala sanità;
  • banche, finanziarie, società di credito al consumo: sovraindebitamento, tassi usurai, anatocismo;
  • trasporti, mancata erogazione del servizio, soppressioni, ritardi, voli cancellati, vacanze rovinate, ecc.
Continua a leggere»
Blak

Black Friday: i consigli di Federconsumatori

Gli italiani approfittano del Black Friday, che nato originariamente per un solo giorno ora viene proposto per l’intero fine settimana. Tuttavia, dietro una vantaggiosa offerta può nascondersi la voglia di qualche truffatore di fare un vero affare, facendo leva sulla voglia di shopping a prezzi scontati.

Se vi capita di fare acquisti online potrebbe anche capitarvi di trovarvi nella spiacevole situazione della “clonazione della carta di credito”, episodio quanto mai spiacevole. In questo caso, bisogna immediatamente bloccare la carta chiamando la vostra Banca, al numero verde solitamente disponibile 24 ore su 24, e rivolgersi immediatamente alla Polizia Postale della Vostra città.

Continua a leggere»