Banche

crif

Il Tribunale di Catania sostiene che l’utente deve essere preventivamente informato dell’iscrizione alla Crif

Il Tribunale di Catania ha dichiarato che l’informativa relativa all’iscrizione da parte di banche e aziende finanziarie all’utente alla banca dati Crif, deve essere obbligatoria e preventiva, come previsto dall’art. 125 del Testo Unico Bancario.

Una consumatrice, segnalata in Crif a seguito di un mancato pagamento ad un’azienda telefonica, si è rivolta alla Federconsumatori di Catania che, tramite i suoi legali, ha provveduto a depositare ricorso al Tribunale, che ha ritenuto illegittimo il comportamento dell’Istituto di credito, ordinando l’immediata cancellazione dalla Crif e condannando l’azienda al risarcimento delle spese legali sostenute

 

euro

Risparmio tradito: la Federconsumatori organizza protesta per il 5 dicembre davanti al Ministero

Il 5 dicembre davanti al Ministero Economia e Finanze (MEF) il presidio dei risparmiatori che ancora attendono che i loro diritti vengano riconosciuti.

La Federconsumatori ha chiesto ufficialmente ai Sottosegretari Bitonci e Villarosa un incontro urgente per discutere i criteri che si intendono adottare per dare ristoro ai risparmiatori truffati.

Abbiamo già denunciato come, il mese scorso, il MEF abbia incontrato una serie di comitati e movimenti senza mai ricevere le Associazioni dei Consumatori, che in questi anni hanno difeso, tutelato e assistito decine di migliaia di risparmiatori vittime di fallimenti ed investimenti a rischio.

Giudichiamo inaccettabile e rischiosa la linea dell’abbandono dell’intermediazione con le Associazioni dei Consumatori iscritte al CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti), in quanto sembra assecondare il consenso elettorale senza realmente affrontare e risolverei problemi dei risparmiatori truffati.

Per questo la Federconsumatori ha organizzato, il 5 dicembre, alle 11:30 un presidio davanti al MEF in cui i risparmiatori faranno sentire la loro voce ed avanzeranno le loro richieste di tutela direttamente davanti al Ministro ed ai Sottosegretari.

I risparmiatori che hanno visto andare in fumo i propri risparmi sono sempre più avviliti e stanchi di una situazione che ad anni di distanza ancora stenta a trovare una soluzione.

Alla luce di questa grave situazione abbiamo chiesto che l’incontro con i Sottosegretari si svolga in tempi utili, entro i termini di discussione della legge di bilancio.

 

whatsapplogo

Nuova truffa tramite WhatsApp per svuotare i conti Unicredit

Sono in forte aumento le truffe bancarie effettuate tramite e-mail e WhatsApp: la più recente, individuata in seguito a varie segnalazioni e realizzata tramite la nota app di messaggistica istantanea, prende di mira i conti correnti degli utenti Unicredit.

I malcapitati utenti ricevono un messaggio tramite WhatsApp che li informa che i dati del proprio conto necessitano di un aggiornamento per motivi burocratici. L’operazione, secondo le indicazioni, deve essere effettuata cliccando sul link riportato nel testo del messaggio, che riporta ad una finta pagina Unicredit, in cui vengono richiesti al cittadino tutti i dati sensibili, comprese le credenziali per entrare nel proprio conto bancario. Se si forniscono tali dati, gli hacker saranno in grado di accedere e svuotare il conto corrente bancario.

I consumatori devono diffidare di comunicazioni da parte della propria banca che avvengono tramite sms ed email, poiché gli istituti provvedono a contattare i propri correntisti tramite comunicazioni ufficiali o telefonicamente. In ogni caso, prima di fornire dati sensibili, si consiglia di accertarsi che sia la banca a richiederli, chiamando il referente o recandosi presso gli sportelli.

anatocismo

Anatocismo bancario, AGCM: 11 milioni di multe a tre istituti

UniCredit S.p.A., Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. e Intesa San Paolo S.p.A. sono state sanzionate dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per aver messo in atto pratiche commerciali scorrette. L’ammontare complessivo della multa è di 11 milioni di euro.

Le tre banche hanno adottato condotte aggressive, in violazione degli articoli 24 e 25 del Codice del Consumo, aventi ad oggetto la pratica dell’anatocismo bancario, ovvero il calcolo degli interessi sugli interessi a debito nei confronti dei consumatori.

Continua a leggere»
ABI 2

Pagamento addebiti periodici, Antitrust censura il comportamento di Abi e undici banche

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso l’istruttoria avviata nei confronti di ABI e di undici istituti di credito, tra cui i principali operatori di mercato, accertando l’attuazione di un’intesa unica e complessa volta a concertare le strategie commerciali in relazione al nuovo modello di remunerazione del servizio SEDA. Si tratta dell’accordo che, insieme al SEPA, ha sostituto il precedente sistema di addebito diretto delle bollette di pagamento, detto RID. Il sistema consente ai consumatori di pagare gli addebiti periodici (per esempio delle bollette delle utenze domestiche) direttamente con un prelievo dal proprio conto corrente bancario. Attualmente il sistema comprende il pagamento vero e proprio (SEPA DD) e un servizio informativo rivolto e pagato dai fatturatori (il SEDA).

Continua a leggere»
mps-3

MONTE DEI PASCHI DI SIENA: FEDERCONSUMATORI IN AIUTO DEGLI AZIONISTI

In vista della prima udienza del processo contro gli ex vertici della banca Monte dei Paschi di Siena, nonché della Deutsche Bank e di Nomura, che si terrà il 15 dicembre, Federconsumatori si prepara ad assistere tutti coloro che vogliano costituirsi parte civile.

I reati contestati agli indagati sono diversi, tra i quali quelli di ostacolo all’attività di vigilanza di CONSOB, falso in bilancio e aggiotaggio.

Continua a leggere»
carichieti

“Quattro banche”, arrivano i primi rimborsi: come fare per ottenerli

Mancano ormai pochi giorni al 22 luglio, data a partire dalla quale, tutti gli obbligazionisti delle quattro banche che posseggono i requisiti previsti dalla legge, potranno presentare un’istanza di rimborso. Per avere diritto all’80% dei rimborsi, sarà necessario compilare il “modulo standard di richiesta dell’indennizzo forfettario”, messo a disposizione dell’investitore, e allegare alcuni documenti.

Continua a leggere»
Carichieti

Salva-banche, incontro tra Associazioni Consumatori e le Good Banks

Nell’ambito del “Tavolo di dialogo” che prosegue dal 19 gennaio, le Good Banks (Nuova Banca Marche, Nuova Banca dell’Etruria e del Lazio, Nuova Carichieti e Nuova CariFerrara), rappresentate dal Presidente Roberto Nicastro e dalla Dott.ssa Donata Monti, si sono incontrate con le Associazioni dei Consumatori (Federconsumatori, Adiconsum, Altronsumo, Codici, Assoutenti, Lega Consumatori, Codacons, Movimento Consumatori, Movimento difesa del cittadino, Unione nazionale consumatori, cittadinanza attiva, Adoc, CTCU) per confrontarsi sul Decreto Legge n.59 del 3 maggio 2016 che aggiunge al preesistente arbitrato un ristorno automatico per un’ampia parte dei risparmiatori coinvolti e rimuove il massimale di 100 milioni per gli indennizzi.

Continua a leggere»

Microcredito

Microcredito

carichieti

Ministero dell’Economia: sit-in il 16 marzo

Sono trascorsi 4 mesi dal salvataggio delle ormai note banche Carichieti, Cassa di Ferrara, Banca Marche e Banca Etruria. Un tempo più che sufficiente per prendere adeguati provvedimenti tesi a restituire ai risparmiatori quanto dovuto.

Continua a leggere»