Mercatone Uno: no alla messa all’asta di quanto giace nei magazzini. I diritti dei clienti vanno rispettati.

Fonti di stampa hanno riportato una notizia che, se vera, sarebbe irragionevole nonché inaccettabile.

Il Curatore fallimentare avrebbe stabilito di procedere alla messa in vendita all’asta di quanto giace nei magazzini delle varie sedi di Mercatone Uno, pur sapendo che molta di quella merce è stata acquistata dai clienti e mai consegnata.

Una decisione che renderebbe vane tutte le azioni che abbiamo sin qui attuato per garantire la consegna dei beni a quanti hanno acquistato e pagato mobili mai consegnati; in primis le insinuazioni al passivo.

Federconsumatori, che in tutta Italia assiste centinaia di clienti Mercatone Uno, metterà in campo ogni iniziativa affinché si garantisca che tutte le parti coinvolte nella vicenda fallimentare trovino giusto ascolto e soprattutto corretta tutela dei propri diritti, primi su tutti i clienti che hanno pagato l’acquisto di beni che non sono mai giunti in loro possesso.

Chiediamo, inoltre, al Governo di convocare un incontro con le Associazioni dei Consumatori per definire gli strumenti di tutela per i cittadini, che in alcuni casi si sono indebitati, e che non solo perdono i loro soldi ma non ricevono quanto acquistato.

Gli sportelli Federconsumatori    http://www.federconsumatoriabruzzo.it/sportelli/      presenti sul territorio sono a disposizione degli interessati per informazioni e chiarimenti.