settembre 2017

Lampadina

Maxi bollette e conguagli: Chieste modifiche alla legge all’esame del Parlamento

È diventata una priorità assoluta risolvere il problema delle maxi bollette, ovvero quei conguagli fatti spesso sulla base di consumi stimati e non effettivi, che arrivano in fattura al consumatore. Si tratta in molti casi di bollette anche di svariate migliaia di euro, oltre che per i privati cittadini, per le piccole e medie imprese che si sono ritrovate in seria difficoltà a causa di maxi conguagli non sostenibili.

Nel mercato tutelato di energia e gas, l’unica soluzione praticabile è la rateizzazione dell’importo, non replicabile però nel mercato libero. Libero arbitrio invece sul settore idrico dove tutto è lasciato alla scelta dei singoli gestori.

Il problema segnalato da tempo dalle Associazioni dei consumatori è rimasto a tutt’oggi irrisolto.

Per questo, a seguito del ciclo di audizioni previsto dalla Camera sul disegno di legge C.3792, recante disposizioni a tutela dei consumatori in materia di fatturazione a conguaglio, la Federconsumatori e le altre Associazioni hanno inviato una nota congiunta affinché vengano accolti gli emendamenti da esse presentati.

In particolare è stato richiesto:

•la stima sia solo un’eccezione e comunque per un periodo che non può superare i due anni;

•venga abrogato il concetto di “tentativo di lettura”, soprattutto in presenza di contatori teleletti;

•sia legittimata l’autolettura attraverso l’accesso dei consumatori o di loro delegati al Sistema Informativo integrato presso Acquirente Unico;

•si preveda per gli utenti la restituzione entro 30 giorni del denaro indebitamente sborsato maggiorato degli interessi legali;

•si elimini la quota lettura in capo ai distributori che non hanno effettuato tale attività;

•sia diritto dell’utente, anche nel caso di contratti stipulati in regime di libero mercato, ottenere entro tre mesi il rimborso dei pagamenti effettuati a titolo di conguaglio;

•l’utente possa sempre chiedere di procedere al pagamento rateale del conguaglio, e ciò deve essere reso esplicito nella medesima fattura di conguaglio. In caso di richiesta di pagamento rateale non saranno applicati interessi di dilazione. Il numero di rate concesse non può essere inferiore a dodici per ogni anno di conguaglio;

•si estendano anche per il settore idrico le medesime tutele previste per gli altri settori regolati”.

Fonte: Help consumatori

 

Vuoto a rendere

Vuoto a rendere su bottiglie di acqua minerale e birra: anche in Italia inizia la sperimentazione

Vuoto a rendere per le bottiglie di acqua minerale e birra, in via sperimentale per un anno. Questo quanto prevede il regolamento pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che entrerà in vigore dal 10 ottobre e che disciplina la “sperimentazione su base volontaria del sistema del vuoto a rendere su cauzione per gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti al pubblico da alberghi o residenze di villeggiatura, ristoranti, bar e altri punti di consumo”.

Continua a leggere»
images

Energia: il mercato libero c’è, ma è molto carente sul versante della competitività

13 Indagine energia elettrica e gas. Il mercato dell’energia tra crisi dei consumi, rinnovabili ed efficienza: quale strategia energetica nazionale?

Con l’approvazione del cosiddetto “Pacchetto concorrenza” sono state modificate molte cose del nostro vivere quotidiano, spesso in “bonus”, molte altre in “malus” se viste dal punto di osservazione del cittadino consumatore; la norma è intervenuta con decisione in particolare nel settore dell’energia nel cui ambito operano oltre 400 operatori che quotidianamente assillano i cittadini con telefonate, visite a domicilio, mail e quant’altro per sollecitare il cambio di gestore propagandando particolari vantaggi.

Continua a leggere»
Ryanair

Ryanair: voli cancellati. Federconsumatori a disposizione dei passeggeri per far valere i propri diritti.

Sono molte le segnalazioni che stiamo ricevendo da parte dei cittadini lasciati letteralmente “a piedi” da Ryanair. La compagnia ha in programma la cancellazione di circa 2.000 voli fino ad ottobre, circa 50 voli al giorno per le prossime sei settimane. La motivazione? “Dobbiamo mettere a riposo il personale” afferma la compagnia, cercando di edulcorare la pillola con un generico intento di “migliorare il tasso di puntualità dei viaggi, passato dal 90% a meno dell’80% nelle prime due settimane di settembre a causa degli scioperi dei controllori di volo, dal maltempo e dall’impatto crescente delle ferie di piloti e personale di cabina.”

Continua a leggere»
Popolare di Bari

Popolare di Bari: un’altra tegola per i risparmiatori abruzzesi?

Dopo le difficoltà patite dai risparmiatori abruzzesi per la vicenda delle quattro Banche fallite, una di queste la Carichieti, ma presenti nella nostra Regione anche di Banca Etruria e Banca Marche, un’altra tegola potrebbe abbattersi sui risparmiatori abruzzesi: la Popolare di Bari.

Una inchiesta giudiziaria è stata già avviata e la banca d’Italia ha avviato un’ispezione.

Continua a leggere»
Grano 2

Grano e riso, pubblicati decreti in Gazzetta Ufficiale: da febbraio obbligo di origine

Sono entrati in vigore i provvedimenti che introducono la l’obbligo di indicazione dell’origine del riso e del grano per la pasta in etichetta del sistema di etichettatura per il grano/pasta e riso, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari. Lo ha reso noto il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che ha annunciato la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dei due decreti interministeriali, firmati dai Ministri Maurizio Martina e Carlo Calenda.

Continua a leggere»