febbraio 2017

telefoni

Telefonia, Tim: dal 1° aprile bollette ogni 8 settimane

Federconsumatori condanna la decisione

Dal 1° aprile Tim cambia la fatturazione della telefonia fissa. Le fatture non saranno più mensili ma verranno emesse ogni otto settimane, mentre il corrispettivo degli abbonamenti a offerte e servizi sarà calcolato ogni 28 giorni. La stessa azienda precisa che ci sarà un aumento del costo delle offerte dell’8,6% su base annua e un risparmio fino a 20 euro l’anno per il minor numero di fatture che saranno ricevute dai consumatori. A Federconsumatori le novità non piacciono. “Necessaria una seria azione di contrasto alle modifiche unilaterali dei contratti”, afferma l’associazione.

La comunicazione è presente sul sito internet della Tim. “A seguito delle mutate condizioni del mercato e a fronte dell’esigenza di allineamento delle nostre offerte al contesto competitivo, e per venire incontro alle richieste dei nostri clienti, a partire dal 1 aprile 2017, le fatture non saranno più mensili ma verranno progressivamente emesse ogni 8 settimane; inoltre il corrispettivo degli abbonamenti delle offerte e dei servizi sarà calcolato su 28 giorni e non più su base mensile”. L’azienda spiega poi che per effetto delle modifiche contrattuali “si determinerà un incremento del costo delle offerte pari all’8,6% su base annua e al tempo stesso il minor numero di fatture porterà un risparmio fino a 20 euro all’anno (se ricevi ancora la fattura cartacea e utilizzi i bollettini postali come strumenti di pagamento)”. Tim precisa inoltre che “l’offerta “Voce” e gli abbonamenti con agevolazioni economiche sulla linea telefonica (“Riduzione superiore al 50% dell’importo mensile di abbonamento al servizio telefonico” e “Agevolazione Social Card”) beneficeranno di una riduzione di prezzo dei relativi abbonamenti in modo tale da garantire nessuna variazione di spesa”.

Per chi non accetta la variazione, “hai il diritto di recedere dal Contratto, o di passare ad altro operatore, senza costi, dandone comunicazione scritta entro il 31 marzo 2017 a TIM, all’indirizzo postale indicato sulla fattura e sulla Carta dei Servizi o via fax al numero gratuito 800.000.187 specificando come oggetto: “modifica delle condizioni contrattuali”. Per tale comunicazione – spiega Tim – non è obbligatorio l’invio tramite raccomandata A/R e nel caso di invio tramite fax è comunque necessario allegare una fotocopia del documento d’identità del cliente titolare del contratto da cessare”.

Per Federconsumatori si tratta di una “brutta sorpresa” per gli utenti di telefonia fissa Tim perché dal 1 aprile scatterà quella che viene definita “la 13esima mensilità anche per la telefonia fissa”. “si tratta –continua la Federconsumatori– dell’ennesimo non più tollerabile rincaro da parte di un gestore telefonico: una modifica unilaterale del contratto, del tutto arbitraria, da parte di TIM”.

Quello che viene contestato, oltre alla previsione di una fatturazione non più su base mensile, è la modifica unilaterale del contratto. Sostiene Federconsumatori: “Ci riserviamo di segnalare l’operato e la condotta scorretta dell’azienda all’AGCOM. Invochiamo inoltre un provvedimento deciso da parte dell’Antitrust in contrasto all’intollerabile pratica della modifica unilaterale del contratto: uno strumento di cui ormai le aziende abusano per modificare in corso d’opera offerte e promozioni. Una condotta che incentiva un continuo gioco al rialzo, un esempio negativo di concorrenza al contrario, con le altre aziende che, presto o tardi, si allineano alle modifiche apportate (emblematico è l’esempio della telefonia mobile)”.

Gli sportelli di Federconsumatori Abruzzo sono a disposizione degli utenti per ogni necessità degli utenti

Sedi

frecciarossa Montesilvano

FrecciaRossa: dopo un anno e mezzo cambia l’orario.

La Federconsumatori l’aveva detto fin dal primo momento

Non eravamo bravi noi della Federconsumatori Abruzzo, forse erano un po’ sprovveduti i Dirigenti di Trenitalia quando hanno deciso gli orari del FrecciaRossa Bari-Milano.

Subito dopo l’attivazione di quel treno (2015) abbiamo dimostrato l’inefficacia dell’orario (Milano ore 7.45, Pescara: 11.51, Bari 14.25. Partenza da Bari alle ore 16.15, da Pescara alle ore 18.48 e arrivo a Milano 22.50).

Continua a leggere»
Seggiolino auto

Seggiolini auto, in vigore nuove norme Ue per la sicurezza dei più piccoli

Il 2016 è stato un anno poco felice per la sicurezza stradale, in particolare per ciò che riguarda i bambini. Secondo i dati raccolti dall’associazione Amici e Sostenitori della Polizia Stradale, sono stati 52 i minori di 13 anni ad aver perso la vita a casa di incidenti stradali, 10 in più rispetto al 2015. Mentre da più parti si muovono iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica ad avere comportamenti corretti alla guida, dall’Unione europea arrivano nuove regole sui seggiolini per i bambini in auto.

Continua a leggere»
samsung

Promozioni scorrette, Antitrust multa Samsung per 3 milioni di euro

Prometteva premi che potevano essere ottenuti solo con gran fatica. I messaggi pubblicitari infatti non riportavano chiaramente tutte le indicazioni sui limiti e le condizioni previste per ottenere premi e rimborsi, né indicavano subito tutti i numerosi passi che il consumatore doveva eseguire per ottenere il premio, salvo la generica avvertenza che era necessario registrare il prodotto promozionato sul sito internet e seguire le istruzioni. L’Antitrust ha così contestato operazioni promozionali scorrette e sanzionato Samsung Electronics Italia per oltre tre milioni di euro.

Continua a leggere»
traliccio 5

Danni maltempo: ENEL si impegna a indennizzare le famiglie, come richiedere i danni

Federconsumatori offre assistenza agli utenti

A seguito dell’emergenza neve e per i notevoli disagi subiti dalle popolazioni residenti in Abruzzo e nelle Marche, Enel distribuzione, ha deciso di procedere al rimborso, oltre che degli indennizzi automatici, anche dei danni conseguenti e riconducibili all’evento (computer, schede elettroniche, apparecchiature elettriche, caldaie, ecc.).

Continua a leggere»
treno-regionale

Treni in ritardo e forti disagi dei pendolari.

Le associazioni dei consumatori denunciano la regione.

Violato il contratto di servizio.

Ampio risalto della stampa abruzzese alla conferenza stampa convocata da Federconsumatori Abruzzo unitamente alle altre Associazioni di consumatori per illustrare le ragioni del ricorso presentato al TAR contro la delibera che ha autorizzato la Regione Abruzzo a sottoscrivere il contratto di servizio con Trenitalia per l’esercizio del trasporto pubblico locale (periodo 2015-20123).

Continua a leggere»