Ritardo treni: TRENITALIA CONDANNATA

Il giorno 11.03.2015 la Federconsumatori Abruzzo ha presentato un esposto all’ART (Autorità di Regolazione dei Trasporti) per i continui ritardi subiti dai pendolari tra Avezzano e Roma.

L’esposto è stato presentato perché Trenitalia non si è mai adeguata agli obblighi previsti dall’art. 17 del Regolamento Europeo 1371/2007; e non ha perciò mai concesso una indennità ai possessori di abbonamento che subiscono reiterati ritardi, anche inferiori ai 60 minuti (ritardo minimo per ottenere un indennizzo dai viaggiatori ordinari).

Successivamente anche altri hanno presentato esposti all’ART per le stesse ragioni.

Con Delibera n°78/2016 l’ART, in applicazione a quanto previsto dal Regolamento e dal D. Lgs. 70/2014, ha comminato una sanzione di 13.000 euro a Trenitalia, per non aver previsto una modalità specifica di indennizzo per gli  abbonati.

Vista la Delibera dell’ART, ogni abbonato che sia costretto a subire reiterati ritardi , anche inferiori ai 60′, può proporre un ricorso a Trenitalia per ottenere un indennizzo. In caso di (probabile) risposta negativa, l’abbonato può presentare un ricorso all’ART per far applicare ulteriori sanzioni a Trenitalia.

Prima o poi Trenitalia capirà che le conviene rispettare l’art. 17 del Regolamento Europeo 1371/2007, e riconoscere così l’indennizzo previsto ad ogni abbonato in caso di reiterati ritardi.

Federconsumatori Abruzzo

osservatorio sulla mobilità