Soppressa la corsa Chieti Teramo via autostrada: disagi per i pendolari

Da mercoledì 8 giugno 2016, è stata soppressa la linea autobus Teramo-Pescara-Chieti via autostrada.

Alcuni utenti di questo servizio hanno sollecitato i Responsabili Istituzionali, Aziendali (Società T.U.A.) e anche della Federconsumatori Abruzzo, perché lo stesso servizio possa continuare ad essere attivo.

La corsa è, infatti, sufficientemente utilizzata dai cittadini, e non ci sarebbero valide alternative con mezzi pubblici.

I pendolari che fruivano delle due corse soppresse, lamentano   l’eccessivo  numero di fermate dei treni che collegano Chieti a Teramo, e la estenuante sosta a Giulianova  (dagli 8 ai 15 minuti) cui sono costretti tutti i treni del servizio Chieti-Teramo.

Noi della Federconsumatori condividiamo il bisogno di razionalizzare l’offerta in ambito regionale per evitare sprechi delle risorse pubbliche; condividiamo però anche le legittime richieste dei pendolari Teramo-Chieti perché si realizzi una programmazione meno “burocratica” del servizio ferroviario tra le due città abruzzesi.

Non è infatti utile a nessuno che tutti i treni che collegano Teramo-Pescara-Chieti fermino in tutte le stazioni, anche in quelle dove solitamente non sale o non scende nessuno.

E non dovrebbe essere una fatalità inevitabile il fatto che i treni debbano essere costretti a fermare fino a 15 minuti nella stazione di Giulianova.

Se si vuole dare risposta ai bisogni dei cittadini, valorizzando così l’offerta pubblica nel campo dei trasporti, è doveroso che i responsabili della nostra Regione sappiano imporre a Trenitalia una programmazione dell’offerta ferroviaria più favorevole ai pendolari che utilizzano i nostri treni.