Rinnovo della patente di guida: le novità per l’aggiornamento, la documentazione necessaria, le scadenze

Patente 3Patente 1Il rinnovo della patente di guida di tipo b è un obbligo di tutti i cittadini patentati che intendano continuare a condurre il proprio veicolo restando in regola con il codice della strada.

Si tratta di un’operazione che ha dei costi e per la quale da ultimo sono state introdotte alcune novità di rilievo. Ecco quali.

Quando va fatto il rinnovo della patente?

Il rinnovo della patente va effettuato ad intervalli di tempo piuttosto lunghi:

  • ogni 2 anni oltre gli 80 anni;
  • ogni 3 anni per età compresa tra 70 e 80 anni;
  • ogni 5 anni per età compresa tra 50 e 70 anni;
  • ogni 10 anni fino ai 50 anni di età.

Con il governo Monti e il decreto semplificazioni [1] è stata introdotta la cosiddetta “regola del compleanno”: la scadenza dei documenti di identità (e come è noto la patente fa parte di questi nel nostro Paese) è nel giorno del proprio compleanno, nell’anno in cui si verificherebbe quella scadenza.

Ciò però non si applica ai documenti già emessi alla data di emissione della norma, di conseguenza, la scadenza prevista è quella scritta sul documento, al primo rinnovo essa sarà coincidente con la data del proprio compleanno.

Un esempio pratico per la regola del compleanno nel rinnovo documenti:

Se il nostro documento scade nel 2019 – perché è stato emesso nel 2009 – esso non scadrà il giorno del nostro compleanno del 2019, ma il giorno segnato come scadenza sul documento stesso.

Se perdiamo questo documento e dobbiamo ri-emetterlo oggi, dunque il 12 aprile 2016, allora la scadenza nuova non sarà fissata per il 12 aprile 2026, bensì il giorno del nostro compleanno nel 2026.

Tagliandi adesivi addio

I tagliandi adesivi che sino al 2014 venivano applicati alla vecchia patente, sono scomparsi dal 2014. La vecchia patente deve essere sostituita con un nuovo documento dotato di maggiori standard di sicurezza e nuova foto del titolare. La patente arriverà a casa per posta assicurata e per la ricezione sarà richiesto un pagamento pari ad € 6,86 euro.

Come effettuare il rinnovo della patente

L’iter da seguire per il rinnovo della patente è permesso a partire dai 4 mesi precedenti la scadenza, sono in pratica rinnovabili da oggi 12 aprile tutte le patenti che sono in scadenza il 12 agosto.

Per rinnovare la patente è necessario effettuare una visita medica, che si può fare presso la ASL, i Vigili del fuoco, i Medici delle ferrovie, gli ispettori medici del ministero del Lavoro.

Bisogna essere però in possesso di alcuni documenti che sono necessari al rinnovo:

  • attestazione del versamento di 16 € (la vecchia marca da bollo) sul c/c 4028 (il bollettino precompilato è reperibile direttamente alle Poste);
  • attestazione del versamento di 10,20 € su conto corrente intestato al ministero dei Trasporti (il c/c 9001 è disponibile precompilato presso gli uffici postali);
  • ricevuta del pagamento dei diritti sanitari.

Sono inoltre necessari:

  • documento d’identità valido;
  • patente in scadenza o scaduta;
  • codice fiscale;
  • due foto formato tessera recenti (in teoria dovrebbero essere non più vecchie di un mese);
  • per i soggetti affetti da limitazioni visive correggibili con lenti: occhiali e/o lenti a contatto.

Il medico accerterà il possesso dei requisiti per una guida sicura e compilerà un modulo online che sarà inviato alla motorizzazione civile. Questa provvederà all’invio della nuova patente al conducente.

In via provvisoria, nell’attesa dell’invio, la ricevuta rilasciata dal medico sostituirà la patente di guida. Alla ricezione della raccomandata assicurata il conducente dovrà versare 6,86 euro per il ritiro.

Quali sono i costi per il rinnovo della patente?

Oltre ai 26 euro sopra riportati, si devono sostenere come detto alcuni costi aggiuntivi per il rinnovo della patente, costi che corrispondono in sostanza all’accertamento del possesso dei requisiti psicofisici.

Ecco come variano i costi in base all’ufficio scelto per il controllo dei requisiti:

  • ASL: solitamente è necessario un appuntamento, i costi variano tra i 20 e i 50 euro
  • ACI e scuola guida: La cifra si alza di molto perché si paga anche il servizio dell’agenzia, dunque il costo può anche arrivare a 150 euro. Naturalmente è un costo variabile in base al mercato di riferimento (dunque questa cifra potrebbe essere anche sensibilmente più bassa);
  • Ferrovie: il rinnovo presso le ferrovie è abbastanza rapido ed economico. Una volta venuti a conoscenza dell’unità sanitaria territoriale e sull’orario delle visite, con un costo di 35 euro cui va sommata una marca da bollo e un versamento al ministero per un costo di 60 euro totali. Non è necessaria la prenotazione.
  • Studi medici: il rinnovo è possibile presso i medici abilitati in possesso di un numero identificativo univoco rilasciato dalla Motorizzazione Civile. Negli uffici della motorizzazione appunto, è possibile informarsi per avere gli elenchi aggiornati.

Cosa si rischia a circolare con la patente scaduta?

La circolazione con patente scaduta genera due possibili rischi:

  • ritiro della patente;
  • multa da 159 e 639 euro [2]

Cosa succede se non rinnovo la patente per tre anni?

Nel caso di mancanza di rinnovo per le patenti scadute da più di 3 anni, sarà necessario sostenere nuovamente gli esami di guida, di conseguenza i costi di rinnovo potrebbero levitare clamorosamente.

[1] DL 9 febbraio 2012;

[2] Codice della Strada, art. 126